La versione romanesca della famosa poesia 'Le orme' di anonimo brasiliano :

line

Giorgio Gallo

line

MAI SOLI

'Na notte camminavo in riva ar mare
avenno pe' compagno er Padreterno.
Me venne allor, cosi', de constatare
che sulla sabbia, proprio nell'interno,

lassavamio du' file de pedate,
una la mia, l'antra der Signore
che, in parallelo, marciaveno affiancate.
E non sto qui a esprime lo stupore

de vede, inder fratanto, sceneggiata
lassu' ner ciel tutta la vita mia;
un firme, ar quale s'era accompagnata
viva realta' e tanta fantasia.

Ma a un certo punto (e cio' me fece rabbia)
notai lungo er sentiero de la vita
arterasse le orme su la sabbia;
'na serie de pedate era sparita.

E rilevai la strana coincidenza
coi momenti piu' tristi e dolorosi
ch'aveveno segnato l'esistenza:
sicuramente i piu' pericolosi.

Allor me ribbellai ar Padreterno:
" 'na vorta me facesti 'na promessa
ch'avresti camminato in sempiterno
affianco a me; e mo', come vanessa,

hai preso er volo, nun me sostieni piu';
proprio quanno er bisogno e' piu' impellente,
proprio quanno nun conta quer che fu
ma quello ch'abbisogna ner presente".

E allor Gesu', guardannome de ghiaccio,
"perche' te piagni addosso, fijo mio?
Nun hai notato che t'ho preso 'n braccio
tutte le vorte ch'hai chiamato Dio?"

line

alla Home page